container e aereo

L’industria della birra in Italia

L’Italia è ben nota e celebrata per i suoi vini iconici e le sue pizze tradizionali. Ma sapevate che il Paese ha dato un contributo non indifferente anche all’industria della birra?

Breve storia della birra italiana

La storia della birra in Italia risale all’epoca degli antichi Romani, quando piccole fabbriche di birra rifornivano i villaggi con varianti della bevanda festiva. Molti di questi birrifici furono poi distrutti a causa di varie invasioni barbariche. Nell’Ottocento, i birrifici cominciarono a spuntare di nuovo in Italia, ma non avevano ancora ottenuto una grande popolarità tra la popolazione. La popolarità della birra italiana iniziò a crescere costantemente all’inizio degli anni Settanta, quando le pizzerie del Nord cominciarono a servire questa bevanda con i propri piatti. 

Quali sono i brand più famosi?

Peroni è forse il marchio di birra italiano più conosciuto. L’esclusiva Gran Riserva Peroni, dal sapore di caramella mou, e la Nastro Azzurro, dal sapore di agrumi, sono diventate bevande popolari in tutto il mondo. Moretti è un’altra famosa marca di birra italiana ritenuta popolare soprattutto grazie alla sua impressionante storia di amore per oltre 160 anni.  Anche la birra sarda Ichnusa è molto diffusa e apprezzata in tutto il Paese.

Diversi stili di fare birra

La birra chiara è rimasta uno stile popolare fin dagli albori dell’industria della birra in Italia. Tuttavia, altri stili sono emersi e cresciuti in popolarità dopo la crescita dei birrifici in Italia. Altri stili di birra italiani molto apprezzati sono le pale ale, le golden ale, le stout, le pale lager e persino le Italian grape ale. Diversi tipi di birra hanno anche gradazioni alcoliche differenti, che si aggirano intorno al 5%, ad esempio la birra ichnusa gradi del 4,7%.

Liberamente tratto e tradotto da https://trulyexperiences.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.